31 maggio 2016 Chiara Bilotta

Dimensione Start-Up: più innovazione alla tua impresa con il Business Model Canvas

canvasss

 

Fonte notizia: Business Model Canvas

Dimensione Start-up” è un breve viaggio in 3 insights alla scoperta dell’affascinante mondo delle “start-up”.
In questo terzo insight parleremo del Business Model Canvas e del visual thinking.
Il Business Model Canvas è un metodo proposto dall’imprenditore svizzero Alexander Osterwalder e poi sviluppato da lui insieme a Yves Pigneur, Alan Smith e una community di 470 esperti in 45 paesi del mondo: il culmine arriva con la pubblicazione del libro Business Model Generation, oggi un best seller a livello mondiale tradotto in 26 lingue.
Il Business Model Canvas è uno strumento strategico per creare e sviluppare modelli di business innovativi, spiega come un azienda crea, distribuisce e acquista valore, si compone di un framework di 9 blocchi che costituiscono gli elementi base di ogni impresa:

  1. Customer Segment: i clienti a cui vendi i tuoi prodotti/servizi;
  2. Value Proposition: la proposta di valore con i prodotti/servizi offerti dalla tua azienda;
  3. Channels: i canali di distribuzione e contatto con i tuoi clienti;
  4. Customer Relationships: le relazioni che si creano con i  tuoi clienti;
  5. Revenue Streams: il flusso di incassi derivante dalla vendita dei tuoi prodotti/servizi;
  6. Key Resources: le risorse chiave per produrre il valore da offrire al tuo cliente;
  7. Key Activities: le attività chiave che fanno sì che il tuo modello di business funzioni;
  8. Key Partnerships: i partner chiave con cui la tua impresa dovrà  allearsi e definire accordi strategici;
  9. Cost Structure: i costi di struttura che la tua azienda dovrà sostenere

Il Business Model Canvas è costruito sulla logica del visual thinking: il pensiero si fa processo visuale e trasforma concetti, idee e programmi complessi in immagini semplici. Il visual thinking altro non è che una tecnica per rappresentare visivamente le informazioni e i processi semplificandone la comprensione e la memorizzazione. Il linguaggio utilizzato nel Business Model Canvas diventa così più facile e immediato, comprensibile a tutti. Il Business Model Canvas ha  di fatto rivoluzionato il modo di rappresentare un business model apportando un importante vantaggio comunicativo: tutti possono comprendere facilmente elementi complessi che riguardano il funzionamento di un’intera azienda.

Creare il modello di business di una nuova azienda, o ridisegnare il business model di un’impresa già esistente, con questo metodo diventa un processo partecipativo, ideativo e coinvolgente: le idee si trasformano in progetti da realizzare, implementare, modificare, il team viene stimolato al lavoro di gruppo. Il Business Model Canvas può infatti essere stampato in grandi dimensioni e il team può iniziare a disegnare e discutere gli elementi del modello di business utilizzando post-it e pennarelli: in tal modo si favorisce la comprensione, la discussione e l’analisi del business ma anche la creatività e la condivisione delle idee.

Il Business Model Canvas è stato testato, verificato e applicato con successo a livello mondiale da numerose aziende (tra le più note Ericsson, Coca-Cola, Capgemini e Deloitte) e viene attualmente insegnato a livello accademico in Centri di formazione nazionali ed internazionali, come ad esempio Stanford e Berkeley University.

 

We 💙 SOCIAL SHARING…and you? FacebookTwitterGoogle+LinkedIn