15 marzo 2016 Chiara Bilotta

Remarketing on line: le strategie migliori nella relazione con il cliente

Fonte notizia: Digital4

Il remarketing è un strategia di CRM orientata al recupero della relazione on line con il cliente che abbandona l’interazione prima di compiere una determinata azione (ad esempio una vendita non portata a termine, o magari l’interruzione durante la compilazione di un qualsiasi form). Capita infatti molto spesso che un utente arrivi su un determinato sito, si soffermi su una o più pagine, decida di inserire articoli nel carrello ma poi improvvisamente non effettui più l’acquisto e abbandoni la navigazione.
Il remarketing offre proprio la possibilità di rintracciare gli utenti che hanno abbandonato quel sito per spingerli a ritornare e a concludere l’azione, in tal modo riprendendo la relazione interrotta con l’azienda e potenziando il CRM e il business.
Ma come funziona il remarketing? Nel momento in cui un nuovo visitatore arriva sul sito un codice Javascript rilascia al browser un cookie anonimo tracciando la navigazione sul web di quel determinato utente e offrendo così la possibilità di pubblicare annunci personalizzati in base ai gusti e alle esigenze che è stato possibile rilevare sulla base delle pagine che l’utente ha visitato.
Implementare una strategia di remarketing richiede però un’attenta valutazione: a questo proposito gli esperti hanno individuato alcune linee guida essenziali perché il remarketing sia davvero efficace.

  • Scegliere le piattaforme più popolari

Per il remarketing sono tre le piattaforme ai fini di una strategia complementare: Adwords di Google, Facebook e Twitter. Google Adwords offre la possibilità di raggiungere il pubblico in una logica “multichannel”: sul motore di ricerca Google, sul cellulare, su Youtube e su tutti quei siti che fanno parte della rete di Google. Facebook e Twitter invece consentono di raggiungere il pubblico all’interno del proprio network.

  • Utilizzare i cookie

I cookie consentono di tracciare i comportamenti degli utenti sul nostro sito e attingere a tutte quelle informazioni utili a creare da subito segmenti di pubblico personalizzati in base al nostro target. Con Google Adwords, ad esempio, è possibile abilitare un tag di remarketing utilizzando semplicemente il codice di Google Analytics già presente sul sito web.

  • Profilare il target

La parola chiave è “chiarezza”: no agli annunci generici, sì agli annunci specifici e alle pagine dedicate. Creare quindi annunci che promuovano proprio le caratteristiche di quel determinato prodotto o servizio per quel determinato target.

  • Selezionare il pubblico

Utilizzare i filtri per gli annunci individuando da subito i segmenti di pubblico che vogliamo colpire e per i quali abbiamo maggiori probabilità di conversione. Una buona prassi da ricordare per ottimizzare le spese in pubblicità e attuare una comunicazione più efficace.

  • Gestire il database degli elenchi e-mail

Il rischio più frequente nel remarketing è quello di inviare e-mail di invito all’acquisto ad un utente che magari ha già comprato la merce che gli volevamo vendere. Per ovviare al problema è importante gestire e ripulire con attenzione il database che contiene gli elenchi di e-mail impostando i parametri corretti e assicurandosi che la rimozione degli indirizzi avvenga in modo automatico.

  • Curare i contenuti

È importante che tutti i contenuti di ogni comunicazione siano gestiti con cura, evitando eventuali errori di battitura e imprecisioni nella forma: la credibilità di un’azienda agli occhi del pubblico emerge anche e soprattutto nei dettagli.

 

customer_loyalty_management_coverCUSTOMER LOYALTY MANAGEMENT – La loyalty dei clienti come risorsa economica

Scopri un modo efficace per gestire la relazione con i tuoi clienti: identifica le priorità operative nell’interazione con loro e nella gestione di nuove iniziative promozionali e di marketing.

ACCEDI al download gratuito del white paper di Gta Factory  CUSTOMER LOYALTY MANAGEMENT – La loyalty dei clienti come risorsa economica

 

 

 

We 💙 SOCIAL SHARING…and you?

Facebook
Twitter
Google+
LinkedIn